Questa è una domanda che mi sono posto decine di volte prima che nascesse la piccola Caterina. Beh, non voglio darvi illusioni: cambieranno tantissime cose. In questo articolo ve ne descrivo 5.

Chiaramente ogni bimbo è una storia a sé e quello che vale per me non è detto che valga per voi. Per questo motivo quello che farò sarà raccontarvi la nostra esperienza.

Non ho la pretesa né il desiderio di insegnarvi nulla: l’unico consiglio che mi permetto di darvi è che quello che state per affrontare è il vostro cammino che dovrete percorrere insieme a vostro figlio e al vostro partner: qualunque cosa succeda non dovrete mai sentirvi inadeguati. Ci saranno momenti di gioia e sorpresa come quando sentirete per la prima volta chiamarvi “babbo” o “mamma”, altre volte sarete frustrati e stanchi: è normale, non scoraggiatevi e tenete duro! Quello che mi dà forza in questi momenti è il pensiero che quello che oggi dò ai miei figli un giorno li renderà persone migliori.

Ecco quindi le cinque cose che sono cambiate nella nostra vita da quando sono papà:

Il Sonno

Ah.. che bei ricordi le dormite del sabato fino alle 10 del mattino… Ormai i ritmi della giornata sono scanditi dai piccolini. La sveglia arriva inesorabilmente alle 6:30 di tutti i giorni quando il piccolo Tommaso inizia a reclamare la nostra presenza, che dire…un lusso rispetto ai primi mesi (soprattutto quelli trascorsi con Caterina), quando dormire due ore di fila era un sogno a occhi aperti, anzi…a occhi chiusi! La sera? Personalmente non vedo l’ora di andare a letto!

 

Gli Hobbies

Cosa sono? Non ricordo più… Ormai il tempo libero è dedicato ai giochi dei bimbi. Quando la giornata è bella cerchiamo il più possibile di stare all’aria aperta, magari al parco, mentre quando ci troviamo in casa, a meno che non succeda un miracolo (ovvero entrambi i piccolino schiacciano un pisolino), siamo continuamente alle prese con le richieste di attenzione da parte dei bimbi. D’altro canto capirete che per loro non poter correre e sfogare le loro energie e il loro entusiasmo all’aperto è quasi una tortura.

La Casa

Amanti dell’ordine in casa? Beh, mettetevi due bende davanti agli occhi e fate finta di nulla perché nulla sarà più come prima. Dovrete abituarvi al fatto che i piccoli metteranno in disordine un pò tutto. In questa situazione può essere utile, se avete spazio sufficiente in casa, allestire un’area giochi dedicata. Sarà sicuramente utile anche quando i bimbi inizieranno a gattonare perché vi consentirà di tenerli sotto controllo mentre fate le faccende. Può essere utile anche un box, ma non aspettatevi che vi trascorrano ore intere!

La Vita Mondana

Pianificherete minuziosamente ogni uscita in funzione dei ritmi del bimbo. A che ora mangia la pappa? A che ora dorme? Cosa manca nel trolley…emmm volevo dire in borsa? (le prime volte potrà capitare che esageriate con il necessario da portare al seguito, e per stare qualche ora fuori casa sembra in realtà stiate partendo per un safari in Tanzania, ma vedrete che poi le cose miglioreranno e saprete meglio scegliere cosa è fondamentale da cosa è invece superfluo). Saranno queste le domande che vi farete ogni volta che pianificherete una serata in pizzeria o un pomeriggio da amici. Vi scoprirete strateghi infallibili!

 

Le Priorità

Bene, ora vi svelo un segreto: tutto quello che ho descritto sopra e le tante altre cose a cui pensavate non avreste mai potuto rinunciare, passeranno in secondo piano… già, perché nulla vi darà gioia più grande di un abbraccio spassionato, di un bacino umidiccio o di una carezza di vostro figlio e poi…le risate, quelle chiassose e sincere che solo la loro vocina buffa sa regalarvi, cosa c’è di più bello? Perché non dimenticate mai che voi siete tutto per i vostri bimbi, siete il loro mondo e loro diventeranno il vostro.  Godetevi ogni momento che vi daranno perché non vi basterà mai!

 

Quello che mi manca di più in assoluto? Le domeniche pomeriggio sul divano a guardare un film (o comunque qualcosa che non grugnisca, cantileni canzoncine e pappappero trullallà).